SENTIMENT ANALYSIS

La reputazione on-line di una destinazione “gioca” un ruolo importante nella scelta da parte dei visitatori. Il sentiment espresso da coloro che hanno soggiornato e fatto esperienza di quel luogo diventa il passaparola che sarà visualizzato e condiviso nelle ricerche di informazioni da parte dei turisti di domani.
La “rete” è il luogo principale dove è possibile monitorare i giudizi e il sentiment positivo / negativo verso la destinazione.
Per monitorare queste valutazioni relativamente al Piemonte, l’Osservatorio Turistico Regionale ha adottato uno strumento di monitoraggio del sentiment che si è basata sulle recensioni on-line dei principali canali web e social media relativi ai punti di interesse della filiera turistica regionale (Travel Appeal Index).

MONITORAGGIO AREE - PRODOTTO PIEMONTE

Durante il 2020, in coerenza con il calo dei movimenti turistici si è assistito ad una riduzione sostanziale del numero di recensioni on-line dei visitatori, ma il sentiment complessivo rilevato in Piemonte – comprendente ricettività, ristorazione e attrazioni – pari a 87,7/100, è risultato migliore rispetto al totale Italia, che è pari a 87,1/100. Analogamente, Torino e la prima cintura, presentano un indice pari a quello italiano, 87,1/100, ma allo stesso tempo più positivo rispetto a Milano, corrispondente a 85,2/100.

Clicca qui per ulteriori dettagli.

MONITORAGGIO ATL

È il prodotto turistico delle ATL delle Langhe Monferrato Roero e del Cuneese ad aggiudicarsi il sentiment più positivo: rispettivamente 89,9/100 (+0,4%) e 89,2/100 (+0,3%) in confronto al 2019. Nel comparto ricettivo, l’indice è migliore in tutte le aree delle ATL piemontesi rispetto al totale complessivo e in rapporto al valore nazionale che corrispondente a 87,1/100. In particolare, sempre le Langhe Monferrato Roero92,4/100, e il Cuneese90,5/100, riportano i valori più alti.

Clicca qui per ulteriori dettagli.

MONITORAGGIO PIEMONTE VS ITALIA

Nel mese di agosto 2020, i visitatori del Piemonte hanno espresso una soddisfazione maggiore rispetto a quella percepita a livello nazionale.

Per i primi 10 mesi del 2020, il monitoraggio della rete si riferisce a 29.100 Punti di Interesse della filiera turistica piemontese (ricettività, ristorazione e attrazioni), in numero inferiore (-28,2%) rispetto al 2019; nella fattispecie:

  • Le recensioni rilasciate da utenti italiani sono maggiori rispetto a quelle estere (69,9% vs 30,1%), che provengono maggiormente da francesi, svizzeri e tedeschi;
  •  Il sentiment risulta più positivo tra gli utenti del mercato estero con un 88,1/100, in confronto a un 86,6/100 di quello italiano;
  •  Le recensioni vengono effettuate principalmente da coppie (51%), seguite dalle famiglie (25%).

Per quanto riguarda la ricettività, sono 5.500 Punti di Interesse presi in considerazione nei primi 10 mesi del 2020, in numero inferiore rispetto al 2019 (-46,4%).

  •  Le recensioni redatte da utenti italiani corrispondono al 61,2% del totale, quelle estere al 38,8%;
  •  Il sentiment è leggermente più positivo tra gli utenti del mercato italiano con un 88,5/100, in confronto a un 88,4/100 di quello estero.
  •  Le recensioni vengono effettuate principalmente da coppie (51,6%), seguite dalle famiglie (25%).

Scarica il report: Sentiment analysis: monitoraggio Piemonte vs Italia – 27 Ottobre 2020

MONITORAGGIO PIEMONTE VS MONTAGNA

In Piemonte sono monitorate 5.500 strutture ricettive e nel segmento territoriale della montagna 3.100. I contenuti per la valutazione del sentiment in rete sono 199.700 per l’intero Piemonte e 52.100 per l’area montana

L’argomento più discusso in Piemonte è l’accoglienza, con 39.200 contenuti e lo staff ha i maggiori contenuti positivi. Nell’area montana, l’accoglienza è sempre l’argomento più diffuso, ma con meno contenuti (21.400), e il proprietario ha i maggiori contenuti positivi.

Scarica il report: Sentiment analysis: monitoraggio Piemonte vs Montagna – 5 Novembre 2020

MONITORAGGIO PIEMONTE

Nel mese di maggio 2020, l’Osservatorio Turistico Regionale ha divulgato il primo report in cui è stato sviluppato un confronto tra il 2019 e il 2018.

Scarica qui il primo report.

Menu